Podcast intervista a Terza Pagina Magazine su Non è la Radio .it

Ringrazio per la collaborazione lo Stubio B

L’esercito del benessere “a domicilio” per affrontare il lockdown

Il progetto di educazione al benessere psico-fisico-nutrizionale è già attivo e gratuito in Friuli Venezia Giulia. 
Appello a nutrizionisti, personal trainer e psicologi per esportare il modello in tutta Italia.

Medici nutrizionisti, personal trainer, consulenti informatici, psicologi e pedagogisti uniti per un sostegno a distanza, ma concreto, a chi ha bisogno di armi per combattere la battaglia all’indomani l’emergenza Covid-19. Ognuno ha aggiunto il proprio tassello per costruire un puzzle solidale; una guida per percorrere le tre vie del benessere del corpo e della mente: nutrizione, sport e psiche. Stiamo attraversando un momento molto particolare della nostra esistenza. Il nuovo stile di vita imposto dal lockdown ci ha colti del tutto impreparati a gestire un approccio fisico, nutrizionale e psicologico del tutto diverso dalla nostra “normalità”. Il progetto nasce dalla volontà di un gruppo di professionisti ed enti che – insieme – hanno deciso di donare alla comunità, in modo del tutto gratuito, le proprie competenze, mettendosi a disposizione delle amministrazioni locali, a partire dal Friuli Venezia Giulia, per una collaborazione costruttiva, dal forte valore sociale. E’ un servizio rivolto a tutti i cittadini, in particolare a chi si sente maggiormente disorientato in questo periodo di emergenza e ha bisogno di una guida per mantenersi in forma (sport), seguire una dieta sana (nutrizione) e rimanere in equilibrio emotivo (psiche).

La sana alimentazione deve sempre essere affiancata all’attività fisica per ottenere un buon equilibrio. I due aspetti, anche in una situazione normale, devono essere perseguiti. A maggior ragione ora, che si è tentati di compensare le mancanze – soprattutto emotive – con il cibo, pur essendo però costretti a fare una vita sedentaria, la dieta deve essere ritoccata, tenendo conto del fatto che le palestre sono chiuse e che il movimento all’aria aperta ci è stato negato per un bene maggiore: la salute della collettività. Tutte queste restrizioni possono però compromettere seriamente la nostra mente e la nostra sensibilità. Ed è qui che entra in gioco questo “esercito” di professionisti della salute, pronto a visitare le case di chi ne avrà bisogno con una strategia personalizzata in tre step.  

SUPPORTO NUTRIZIONALE

Si parte costruendo un piano nutrizionale settimanale equilibrato e adatto a una persona in salute, da questa base si calcolano i nutrienti e le grammature per fare una spesa settimanale, intelligente, differenziando le varie tipologie di famiglie che potrebbero usufruirne: dal single alla coppia, dalla famiglia con bambini, alla coppia con figli adolescenti considerati come altrettanti adulti. L’obiettivo è di educare le famiglie a mangiare sano, senza cedere alle tentazioni degli zuccheri. Andare a fare la spesa sotto stress e angosciati ci porta, infatti, a fare acquisti inconsapevoli, basati sulla paura. La dieta settimanale è basata sul consumo di prodotti del luogo, rispondendo, quindi, alla necessità di sfruttare le nostre risorse (verdura, legumi, frutta, carne, pesce). Alcuni produttori si sono resi disponibili a confezionare dei pacchetti spesa settimanali a Km 0, basati sulle indicazioni del nutrizionista e sulla composizione numerica e anagrafica del nucleo familiare. I Comuni potranno svolgere un’azione di intermediazione, facilitando l’accesso al servizio per una spesa calibrata e sana.

SUPPORTO PSICOLOGICO

Per le singole persone appartenenti ai diversi nuclei familiari che ritenessero di aver bisogno di un supporto psicopedagogico/emotivo, gli psicoterapeuti  e psicopedagogisti partner del progetto si rendono disponibili a un primo colloquio online gratuito, per poter aiutare in modo tempestivo. 

SUPPORTO MOTORIO

Per l’attività fisica, i personal trainer, partner del progetto, sono disponibili a sessioni di ginnastica funzionale e mobilità in piattaforma, in giornate e orari da definirsi in base alle richieste delle famiglie. Saranno disponibili dieci connessioni in simultanea, quindi un dispositivo per famiglia (ma può partecipare anche più di una persona per famiglia). Il personal trainer darà tutte le istruzioni per fare movimento nel salotto di casa. I bambini, invece, potranno imparare giocando con esercizi ludico-motori, come striscio, gattonamento, rotolamento, capovolta, camminata, corsa. Il progetto si rivolge anche agli atleti, professionisti e non, che potranno mantenersi in forma online, recuperare infortuni o fare riabilitazione. Agli anziani, infine, gli esperti consiglieranno di eseguire movimenti in corretta postura, utili nella vita quotidiana: come portare le borse della spesa, condurre il cane a passeggio e altri movimenti che svolgono ogni giorno.

SUPPORTO RICREATIVO

Il progetto prevede – in aggiunta – una serie di iniziative con l’obiettivo di sviluppare attività ricreative, di intrattenimento e di apprendimento adeguate alle varie fasce di età.  Attraverso sessioni online, tenute da personale preparato nei diversi ambiti previsti, i piccoli, insieme ai grandi, troveranno il modo di trascorrere un po’ di tempo divertendosi e imparando in un modo nuovo. E’ possibile supportare anche l’attività didattico-educativa in atto nelle scuole, attraverso la formazione a distanza oramai obbligatoria per decreto ministeriale, con azioni psicologiche che mirano a far emergere e rielaborare le emozioni e i pensieri su ciò che gli allievi hanno realizzato con i docenti. Per gli adulti, in particolare per gli over 65, sono previste delle semplici lezioni online per apprendere o approfondire la conoscenza sull’uso del web. L’obiettivo per il prossimo futuro è quello di riuscire a esportare questo progetto – attivo in Friuli Venezia Giulia, mentre la Regione Lombardia ha già concesso il patrocinio – anche nelle restanti regioni italiane, attraverso l’adesione di professionisti ed enti pubblici che vogliano mettere a disposizione le proprie competenze per il sostegno di chi rischia di cadere e di non riuscire ad affrontare – senza gravi conseguenze – questo periodo così delicato delle nostre vite. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.