DUE SERATE CON METIS TEATRO
7 E 8 OTTOBRE 2022 ORE 20.30

IL PROGRAMMA:
7 ottobre 2022. Ore 20.30
Metis Teatro Laboratorio, con il patrocinio dell’Accademia di Romania e della Uilt Lazio, Unione
Italiana Libero Teatro, presenta Lisistrata mon amour di Matéi Visniec. Il testo, scritto tra dicembre
2021 e febbraio 2022 anticipa e precorre i venti di guerra di una crisi già in atto diventata cronaca
drammatica il 24 febbraio 2022. E come sempre accade nella drammaturgia di Visniec non intende
rispondere a domande né suggerire soluzioni: compito del teatro, ama ripetere l’autore, è porre
dilemmi. Scrive Visniec: Ho scritto questo testo nel periodo dicembre 2021-febbraio 2022, quando sulla
stampa europea si è parlato ben più che negli ultimi 75 anni di una possibile guerra. La presenza di
130.000 soldati russi alla frontiera con l’Ucraina ha come risvegliato gli europei da un lungo sonno. Gli
europei si sono resi conto, all’inizio del ’22, che su uno sfondo di pace, di società dei consumi, di
espansione dell’industria del divertimento e della fascinazione per i mondi virtuali hanno dimenticato che
la libertà va difesa con le armi.
Dalla penna licenziosa di Aristofane, che oltre 2300 anni fa, rispondeva con la satira ai dilemmi di altre
guerre fratricide – i greci combattono contro altri greci – Visniec recupera in un testo di struggente
attualità il mito di Lisistrata trasferendolo nella contemporaneità: si ride, si riflette, e soprattutto ci si
interroga.
Tradotto da Bruno Mazzoni Lisistrata Mon amour viene presentato in anteprima da Metis Teatro che
ha già dedicato a Matéi Visniec due rassegne tematiche tra il 2019 e il 2022 portando in scena 10 testi
dello stesso autore. Nel cast oltre al nutrito gruppo di allievi attori dell’Associazione MetisTeatro,
l’amichevole partecipazione dell’attore Paolo Ricchi nel ruolo del Corifeo. La regia è di Alessia Oteri.
La serata vedrà la presenza eccezionale di Matèi Visniec, ospite a Roma per l’evento.


8 ottobre 2022. Ore 20.30
Metis presenta Napoli milionaria di Eduardo De Filippo. La celebre commedia è ambientata a Napoli
nel 1942, durante la seconda guerra mondiale, e la popolazione napoletana sta attraversando una
grossa crisi. Gennaro gestisce un caffè e spera di ottenere l’aiuto della famiglia intera per poter pagare
le spese e mettere da parte un po’ di soldi. Il figlio Amedeo invece è determinato a combattere contro
le ingiustizie perpetrate dal governo e scende in piazza per manifestare il proprio dissenso. La
situazione cambia quando riappare Pasquale, un personaggio creduto morto da tutti.
Napoli milionaria, che segna l’inizio per De Filippo di una produzione d’impegno etico e civile, è una
commedia che esprime la necessità di un riscatto morale e del recupero dei valori fondanti della vita;
valori eterni che le guerre travolgono, quando corruzione, degrado morale, criminalità, avidità di
denaro e potere, prevalgono sul diritto a vivere nel mondo secondo giustizia.
Un testo appassionante, come è usanza di De Filippo, che mette in scena, attraverso la sofferenza della
guerra, l’indissolubile legame tra il bene e il male.
Regia Alessia Oteri

Entrambi gli spettacoli sono il frutto dell’attività laboratoriale di MetisTeatro.

MetisTeatro nasce dalla passione e dal desiderio di Alessia Oteri, attrice, regista e insegnante di
teatro, di creare un luogo dove poter fare teatro, nell’idea del valore della pratica come possibilità di
trasformazione, condivisione e crescita, educazione e cultura. Nel corso degli anni l’associazione ha
prodotto e organizzato oltre 200 spettacoli, negli spazi più diversi e per il pubblico più eterogeneo. In
sinergia e collaborazione con enti pubblici e privati – Sovrintendenze, Accademie e Università, teatri,
spazi espositivi e museali, ville e parchi archeologici – svolge la sua ricerca muovendosi all’interno di
un duplice binario drammaturgico, che se da una parte anima gran parte delle sue produzioni nella
lettura e riscrittura dei classici, dall’altra privilegia la scelta e la ricerca sul teatro contemporaneo.
Ha vinto numerosi premi in festival e concorsi e negli ultimi anni ha ideato e prodotto diverse rassegne
con il contributo della Regione Lazio e del Comune di Roma. È attualmente composta da circa 100 soci
che rappresentano la forza ideatrice e produttiva della sua programmazione.
Tra il 2018 e il 2022 ha portato in scena dal teatro di Matéi Visniec i testi Paparazzi, Il Comunismo
spiegato ai malati mente, Riccardo III non s’ha da fare, Occidental Express, Migranti, Attenzione alle
vecchie signore corrose dalla solitudine, Il Teatro decomposto o l’Uomo Pattumiera, e tradotto e
rappresentato l’inedito in Italia Dello zerbino considerato dal punto di vista dei ricci.

Info e prenotazioni 06 594 3554 info@teatromarconi.it
Biglietto 13€

Elisa Fantinel
Ufficio Stampa Teatro Marconi

Un pensiero su “Video Intervista con : Alessia Oteri Dir Art. Metis Teatro per due serate 7 e 8 ottobre 2022”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.