a cura di Maria Antonietta Schiavina

Perché la Giornata della poesia che si festeggia oggi, 21 marzo, primo giorno di primavera e compleanno di una grande poetessa come Alda Merini, è importante?

Perché è la forma più antica di linguaggio umano leggibile e comprensibile,perché la poesia era il modo migliore per mantenere viva la lingua. Che anticamente veniva parlata ma non scritta. E l’intellighenzia delle società antiche era famosa per la scrittura di poesie significative, facili da memorizzare, trasmesse oralmente da una generazione all’altra. Così la poesia è rimasta viva in quasi tutte le società perché le persone avevano un attaccamento emotivo alle parole pronunciate poeticamente. 

Per esempio, i miti religiosi e culturali furono scritti in forma poetica migliaia di anni fa. E furono memorizzati dalle masse che li consegnarono ai loro successori; Iliade , Odissea , Sohrab e Rustam, e diversi inni famosi tra i greci, i romani e gli egiziani ne sono gli esempi. La poesia in pratica era un tipo di linguaggio sacro per le antiche comunità. E nella 30 esima Conferenza Generale sessione dell’UNESCO che si tenne a Parigi nel 1999, il 21 marzo fu proclamato Giornata Mondiale della Poesia, da ripetersi ogni anno in tutto il mondo. 

Lo scopo? Incoraggiare i giovani poeti e apprezzare il ruolo della poesia nello sviluppo e nell’illuminazione del mondo. Oggi nel mondo ci saranno molti eventi, ma un appuntamento da non perdere domani, sarà quello indetto dall’Associazione Amici Arte Moderna a Valle Giulia ( presidente Maddalena Santeroni), alle ore 18 LIVE ZOOM ID riunione:4607725484/Pass-code:240321,

con personaggi noti come l’attore Alessandro Preziosi, l’attrice Anna Testa, il poeta Daniele Mencarelli. Una manifestazione culturale che, in barba alla pandemia, ci riempirà il cuore e l’anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *