Quando vedrete il mio caro amore 2021 (Interbeat Records)

Il celebre singolo accompagnato dal videoclip 
firmato dal giovane regista Michele Vitiello

Interprete scelta da Battisti, Vecchioni, Paoli, Gaber, Califano, Morricone, Bacalov, Bindi, De Andrè, torna a incidere la sua canzone manifesto del 1963: Quando vedrete il mio caro amore

Il successo clamoroso negli anni ’60 e ’70 poi, il silenzio: la ritroviamo giornalista e conduttrice di importanti trasmissioni radiofoniche e televisive.

“Il mondo della canzone non è come quello di oggi, essere famosi a sedici anni negli anni sessanta non era una cosa facile da gestire – confida Donatella Moretti – e quindi appena presi più consapevolezza di questo stravolgimento, rimasi nel mondo della musica non più come protagonista, ma come innamorata di fatti e cronache, avendo il privilegio di intervistare i più grandi artisti, quelli che ancora oggi, con le loro canzoni ci fanno sognare”.

Anno 2021, di fronte alle nuove tendenze della musica italiana, torna controcorrente sulle scene musicali, con un progetto artistico ambizioso e dona alla sua celeberrima “Quando vedrete il mio caro amore” (scritta da Loredana Ognibene su arrangiamento di Ennio Morricone) una nuova interpretazione e un prezioso videoclip firmato da Michele Vitiello (https://youtu.be/xJlWFj0pIvQ), che racconta con ritratti fiabeschi una storia d’amore in cui la forza dei ricordi ha un potere immaginifico di straordinaria bellezza, salvandoci da ogni delusione che il tempo prima o poi ci offre. Protagonisti del video, una ballerina dodicenne Alice Megaro, della Bilotta’s Dance Academy di Roma, allieva dei maestri Sandro Bilotta e Tonia Labriola. Il volto del pierrot è di Marco Romeo, calabrese e laureato in lingue e civiltà orientali alla Sapienza Università di Roma. La fotografia è firmata da Enrico Petrelli. Scorre un mosaico d’immagini della stessa Donatella, interprete e protagonista di un indimenticabile periodo della canzone italiana: fotografie con Adriano Celentano, Bruno Lauzi, Lucio Dalla, Sergio Endrigo, Massimo Ranieri, Gianni Morandi e tanti altri. “Una nostalgica e brillante carezza al cuore – suggerisce il regista Michele Vitiello -, perché ricordare fa sempre bene, in ogni ricordo, c’è il nostro futuro”. 

Fondamentale per questo progetto la figura del maestro di musica Luigi De Angelis figura chiave di questo rinnovato percorso musicale che nel 2022 porterà Donatella Moretti a incidere un inedito.

Biografia

Donatella Moretti, perugina d’origine, un diploma in lingue e sei anni di pianoforte alle spalle prima di trionfare nel mondo della musica leggera.


Vince il Cantagiro con la canzone “L’abbraccio” di Antonio Prieto, l’autore della canzone “La Novia”. Vittoria che la conduce nell’olimpo della critica e del pubblico, italiano e internazionale.


Ed è il M° Ennio Morricone a firmare gli arrangiamenti del suo primo disco ufficiale dal titolo “Il diario di una sedicenne” contenente tutti brani scritti per lei da Loredana Ognibene, giovanissima e promettente autrice, e che includeva un successo sempre verde come “Quando vedrete il mio caro amore”.
Torna al Cantagiro ancora e ancora con i singoli “Cosa fai dei miei vent’anni”, “La legge dell’amore” scritta per lei da Gino Paoli, “Ti vedo uscire” firmata dal M° Luis Bacalov e infine “Chiaro di luna sul mare”.

Negli anni ’70 nasce una collaborazione con alcuni dei più importanti cantautori italiani che scrissero per lei gran parte dei brani del disco “Storia di storie”, con le firme di Franco Battiato, Lucio Battisti, Fabrizio De André, Gino Paoli, Umberto Bindi, Giorgio Gaber, Sergio Endrigo, Bruno Lauzi.

Ma non c’è solo la musica nella sua lunga carriera: Donatella Moretti è stata anche una giornalista e conduttrice radiofonica e televisiva.


Suoi alcuni programmi di successo per la Radio Vaticana, e la RAI di cui ricordiamo, tra tutti, “Carta bianca”, una sorta di “Domenica In” in radio, con la partecipazione di grandi ospiti dal vivo da tutto il mondo dello spettacolo. E poi la televisione: sempre per la RAI ha condotto programmi come “Tu che ne dici?”, “Plurale femminile” e, non ultimo, “Senza tanti complimenti” che può vantare ospiti del calibro di Lucio Battisti, Gino Paoli, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Lucio Dalla, Roberto Vecchioni, Franco Califano, Fred Bongusto, Memo Remigi e tanti altri… tutti artisti che regalarono una loro canzone a Donatella, da cui nacque un disco dal titolo “Conto terzi”.

È forse una delle poche cantanti divenute anche giornaliste… di sicura l’unica del suo genere ad aver intervistato personaggi del calibro di Nilde Iotti, Indro Montanelli e tanti altri…


Ed il tema della donna torna protagonista come il suo impegno nel denunciare ogni tipo di violenza nell’album “Io in prima persona” musicato dal M° Fiorenzo Carpi.

Arriva poi per la S. Paolo Audiovisivi un disco di canzoni per bambini intitolato “Zucchero filato” scritto da Luis Bacalov e un lavoro di musica sacra con “Laudes della speranza e dell’amore” del M° Luigi De Angelis e testi di Lino Matti.

Esce il 3 dicembre 2021 in digitale sotto l’etichetta Interbeat Records esce l’album 20 20 anticipato dal cd e dal vinile. Apri pista del lavoro è il videoclip “Quando vedrete il mio caro amore” per la regia di Michele Vitiello. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com