Fuori dal 5 luglio “Tempo Perso”, il terzo singolo di Fabrizio Mozzillo accompagnato da un videoclip leggero ma suggestivo. In un sound country pop Fabrizio Mozzillo narra le avventure di una storia d’amore travagliata. Il tema è di quelli più abusati nella musica leggera e proprio qui sta la sfida: raccontare in chiave originale una vicenda “sfruttatissima”. A questo scopo, la canzone combina un testo doloroso con una musica allegra e spensierata Il videoclip segue esattamente le vicende del testo. Un piccolo film che racconta dai primi incontri fino alla fine della storia d’amore. Il video abbinato al brano è opera di Davide Vigliotti, talentuoso videomaker pugliese, qui in veste di sceneggiatore (insieme a Fabrizio) e regista. Il filmato si concentra essenzialmente su una figura femminile, interpretata da Noemi Corasiniti, dotata di grande sensualità e comunicativa. Questi i musicisti di studio: Guido Guglielminetti: arrangiamento, basso elettrico e batteria;Carlo Gaudiello: piano elettrico ed organo hammond;Alessandro Valle: lap steel guitar;Strumentista Misterioso: sassofono.ASCOLTA SU SPOTIFY: https://open.spotify.com/album/3jtp8012upiRn0WSxT6B70  https://www.facebook.com/fabrizio.mozzillohttps://www.youtube.com/@FabrizioMozzillo1968/featuredhttps://www.instagram.com/fabrizio.mozzillo/  Biografia Fabrizio Mozzillo è un cantautore romano classe 1968. Per circa venticinque anni svolge l’attività di avvocato, ma alla soglia dei 50 anni, abbandona la professione. Si trasferisce in una località di mare, acquista una barca da pesca e ricomincia a suonare chitarra e armonica. La musica è sempre stata una sua passione, in gioventù scriveva pezzi propri che suonava nei piccoli teatri. La vita è strana fa un giro complicato per riportarti verso quella che è la tua vera casa. Nel 2019 riprende in mano la sua passione e inizia una collaborazione con il producer Guido Guglielminetti. Insieme realizzano il suo primo disco “Nomi, cose città” che uscirà nel 2023. Primo tassello del suo nuovo percorso è “Casa dolce casa”, seguito da “L’ultimo Don Chisciotte” e “Tempo Perso”. “Perché pubblicare un album in età adulta? Perché le canzoni hanno chiesto di poter andare in giro sulle proprie gambe, per giungere all’orecchio di chi vorrà ascoltarle.Perché scrivere canzoni? Unicamente per il bisogno di raccontare storie in musica. In ogni caso, è sempre la canzone che decide quando essere scritta; l’autore è un tramite, nient’altro”.

Altre cartoline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com