Cari colleghi,il 27 aprile sarà il 110ecimo anniversario della nascita di un grande Piccoletto, RENATO RASCEL, che ha contribuito a innovare col suo linguaggio e la sua poetica un significativo pezzo di storia dello spettacolo italiano del Novecento.Autore di se stesso e interprete, sempre con il suo stile, di molti, Rascel è stato a mio avviso un po’ ignorato e dimenticato. Più di venti anni fa avevo svolto un’appassionata ricerca di dottorato sulla sua arte performativa, che ho deciso di pubblicare solo adesso per un dovere morale nei suoi confronti. Il saggio è uscito da poco per Iacobelli editore (di seguito un comunicato stampa), ma spero solo che questo sia un incipit per stimolare altri a realizzare opere che magari lo possano rivalorizzare (e, come lui, altri artisti a tutto tondo caduti nell’oblio), cosi come sarò grata a voi per ricordarlo a vostro modo nel giorno del suo compleanno. Uno stimato saluto a tutti e grazie per leggere!
Testo alternativo
Autore originale, interprete raffinato e inconfondibile cantante, Renato Rascel seppe creare nelle sue imprevedibili performance un personalissimo stile, giocoso e riflessivo, incanalato sul fil rouge del surrealismo. In libreria, e sulle principali piattaforme digitali, arriva un saggio che ne ricostruisce in dettaglio l’arte attraverso un viaggio contestuale nella storia dello spettacolo italiano. Elisabetta Castiglioni, che oltre 20 anni fa ne ha ricercato le tracce per archivi pubblici e privati, dedica ora al “Piccoletto” nazionale questo lavoro, convinta che la scrittura creativa rasceliana sia ancora attuale ed estremamente comunicativa. RENATO RASCEL. Storia di un personaggio dello spettacolo del Novecento, pubblicato con Iacobelli editore, è un itinerario critico attraverso la genesi e i retroscena delle sue opere e performance in grado di farne emergere la poetica e l’unicità.Forte di un inequivocabile stile e del suo talento di “one man show”, l’eclettico Rascel si è districato con nonchalance tra avanspettacolo, rivista, commedia musicale, prosa, cinema, televisione, musica leggera, materie differenziate di ogni capitolo di questo libro. Il suo personaggio stralunato e fanciullesco ha attraversato i più diversi generi dello spettacolo, instaurando un dialogo immediato col pubblico e spaziando dall’umorismo del “Corazziere” alla poetica dell’assurdo di Beckett e Jonesco, dalle commedie musicali di Garinei e Giovannini a canzoni “evergreen”, prima fra tutte Arrivederci Roma.In questa ragionata biografia artistica – dove spiccano anche interessanti progetti inediti – ne si possono ripercorrere analiticamente le varie tappe per cogliere la misura della sua grandezza.  SCHEDA TECNICATitolo: RENATO RASCELSottotitolo: Un protagonista dello spettacolo del NovecentoAutrice: Elisabetta CastiglioniCasa editrice: Iacobelli editoreCollana Pop StoryFormato 16×23 cmPagine 400Prezzo €19,80 Genere Spettacolo / Musica / CinemaISBN 978-88-6252-704-0Copertina A coloriInterno B/NComprende 32 pagine di fotografie in B/NVolume a cura di Francesco ConiglioRealizzato con Alessio Trabacchini e Diego ConiglioProgetto grafico di collana: Massimiliano D’AffrontoIdeazione copertina: Dario MorganteIllustrazione di Giancarlo Impiglia/Mancini Studio tratta dall’album RCA Italiana PSL 10582 D’amore si ride del 1973Impaginazione: Daniele Giorgi© 2022 Iacobellieditore.Tutti i diritti riservatiIl marchio Iacobellieditore è di proprietà esclusiva di Trerefusi srl —- In quanti se lo ricordano? Renato Rascel, alias il “Piccoletto nazionale” era uno di quegli artisti poliedrici che poteva (e riusciva) a scrivere e interpretare ogni ruolo con entusiasmo, grinta e determinazione. Oserei dire che il suo talento sia derivato, proprio fin da bambino, dalla capacità di osservare intorno a sé quello che accadeva e di concentrarsi nel restituirlo – con situazioni sceniche, battute e interpretazioni surreali – tramite una propria creatività onirica e deliziosa, soprattutto spiazzante. La sorpresa più grande è proprio di aver scoperto che la sua grandezza derivava dall’essere un autodidatta intelligente e “spugnoso”, capace di ascoltare lo spettatore ed intuirne i suoi umori: insomma, un autentico “servitore” dello spettacolo.Sono passati oltre 20 anni dal dottorato di ricerca che ho avuto la fortuna (e l’onore) di scrivere sulla sua arte in tre anni di giri per archivi, emeroteche, biblioteche – in un mondo, ci tengo a sottolinearlo, ancora privo di Internet o social media – dove la scoperta di carteggi o copioni (anche inediti) , fotografie d’epoca e testimonianze raccolte di persona da suoi amici e colleghi era una benzina energetica che generava entusiasmo e curiosità nel voler saperne di più, non solo sulla sua vita e i suoi lavori, ma su un’epoca di ricca formazione culturale della nostra storia. Nato nel 1912 e morto nel 1991, Rascel ricopre fulgidamente l’attività di musicista, interprete, regista, compositore, ballerino, cantante, autore – in pratica un affabulatore della propria poetica, stralunata ed elastica – dagli anni Trenta agli Ottanta, toccando indistintamente le corde comiche e drammatiche, senza mai pretese intellettualistiche.  Il suo umorismo garbato produceva un genuino benessere mentale e il suo impegno nell’affrontare ogni nuova avventura – tra teatro, cinema, radio, televisione, musica, giornalismo e favole per bambini – si rifletteva in un apprezzamento e sorriso del popolo che rispettosamente vi si rispecchiava, incantandosi, per poi imitarne le arguzie più originali e così facendo collaborare a costruire un parziale subconscio immaginifico collettivo. In ogni suo gesto, parola, azione e “riflessione” (come l’aver captato tra i primi la maestria eclettica di Gigi Proietti, tanto per fare un esempio) Rascel ha messo sia del suo che del nostro. Il percorso che ho voluto dedicargli è al contempo cronologico ma anche sincronico, diviso per i diversi linguaggi scenici che ha affrontato – sul palcoscenico come sul set e sul piccolo schermo – ed interfacciato costantemente dal suo genio musicale – autoriale e compositivo – e da un umorismo raffinato che sa tradursi in immediato gesto ammiccante, data la forza esplosiva della sua presenza scenica.Il “caratteraccio” di Rascel? Molti lo ricordano per questo. Da profana lo considero professionismo. Non l’ho conosciuto personalmente, ma l’ho “respirato” per un triennio  sulla carta di copioni, libri e giornali, e tramite la voce di chi lo ha conosciuto, ma soprattutto attraverso i racconti della persona che gli è stata accanto – nel pubblico e privato – per oltre 20 anni, Giuditta Saltarini. È grazie a lei che ho percepito le parole di un marito che le narrava i colori del suo passato prima del loro incontro; è con lei che Rascel è uno dei rari esempi di realizzazione simbiotica della coppia nella vita e nell’arte; ed è, infine, attraverso la sua disponibilità ad aprire certi armadi, un quarto di secolo fa, che è potuto fuoriuscire un brandello di storia che a molti può far piacere ricordare. Questo non è un libro di aneddoti, ma un sentito e modesto tentativo di ricostruire la memoria tramite una documentazione precisa che conduce a ragionamenti, ipotesi, supposizioni. Sperando che le nuove generazioni si appassionino al lavoro di ricerca non con i “copia-incolla” da Internet ma con un preciso lavoro di inchiesta. E di quel pezzo di spettacolo italiano di cui Rascel era contemporaneo, ce n’è ancora moltissimo da recuperare e riscoprire…
Elisabetta Castiglioni 
 CONTATTIhttps://www.iacobellieditore.it/info@iacobellieditore.it –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com