Moni Ovadia e Marianella Bargilli in Assassinio nella Cattedrale

Debutto 2-3-4 settembre a Catania

Sarà la Sicilia a vedere il debutto di Assassinio nella cattedrale i prossimi 2-3-4 settembre in una
cornice suggestiva quella della Corte dell’istituto Ardizzone Gioeni a Catania con inizio alle ore
21,00.
Sul palco l’inedita coppia Ovadia-Bargilli che per la prima volta si misurerà insieme in una co-
produzione del Teatro ABC di Catania e del Teatro Olimpico di Vicenza che con questo spettacolo il
22-23-24 settembre aprirà il 75° Ciclo di Spettacoli Classici, dove Marianella Bargilli ritorna dopo il
successo di Fedra dello scorso anno. La regia è affidata a Guglielmo Ferro.
A Marianella Bargilli, reduce da un’estate che l’ha vista recitare in altri tre spettacoli (Fedra, Uno,
nessuno e centomila e Il corpo della donna come campo di battaglia) il compito di interpretare sia
il ruolo di una corifea che del “quarto tentatore”.

“È un grande onore per me ritornare all’Olimpico dopo il debutto a Catania a fianco di un mito
assoluto, Moni Ovadia con il quale desideravo davvero tanto lavorare e con Guglielmo Ferro alla
regia con cui ho già collaborato in passato con “La governante” di Brancati, si torna in sella con un
classico tutto da scoprire!” Commenta Bargili.
Assassinio nella cattedrale racconta dell’omicidio dell’arcivescovo di Canterbury, Thomas Beckett,
il cui corpo senza vita viene ritrovato all’interno della cattedrale. L’arcivescovo è stato assassinato
da quattro cavalieri mandati da re Enrico II.
Ma il vero dramma che Thomas Stearns Eliot, mette in scena è quello che si svolge nella coscienza
di Beckett, in lotta con i le proprie convinzioni in un mondo che gli impone di rinunciare a tutto
quello in cui crede.
Il dramma è del 1935, è costruito come una tragedia classica, in cui potere temporale e spirituale
si scontrano.


A Moni Ovadia, attore, scrittore, regista, musicista, “è affidato il canto desolato dell’eroe inglese
“invaso” dalla fede cristiana, il lamento assoluto di un uomo indeciso tra abnegazione e
incarnazione del Cristo, tra smania di potere e fede assoluta in Dio”.
“Thomas Beckett -ci racconta Moni Ovadia- appartiene a quella categoria di personalità radicali
che quando si assumono una responsabilità nei confronti di un compito attribuito lo portano fino in
fondo, appartiene alla categoria degli incorruttibili, incarna un ruolo che ha una priorità etica, è
pronto a tutto per non abdicare alla responsabilità assunta. -Risuona molto in me continua- Lui
potrebbe scappare, ma rifiuta fino alla fin e, a differenza di tutti gli interlocutori che cercano in
ogni modo di fargli assumere atteggiamenti di compromesso e mediazione lui non cede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com