SCOMPOSTA

VARIAZIONI PER ORGANI SCORDATI

Drammaturgia, mise en espace, scene, costumi, 

video, corpo, voce e organi scordati

Marzia Ercolani

Assistenza Luigi Acunzo

Una produzione La compagnia dei Masnadieri

Un progetto a cura di Atto Nomade Teatro

con il sostegno di Mujeres nel Teatro

PRIMA STONATURA

6/7/8 maggio Teatro Lo Spazio-Roma

Debutta in prima assoluta al Teatro Lo Spazio dal 6 all’8 maggio  SCOMPOSTA, spettacolo di e con Marzia Ercolani che ha orchestrato una vera e propria variazione per organi scordati.

SCOMPOSTA è un debutto, una prima “stonatura”, un processo di esplorazione in fieri, uno “sconcerto” del corpo, uno sconcerto di organi. Nasce dalla condizione di “cattività” imposta durante il primo anno pandemico. La restituzione della potenza, della crudeltà e della bellezza che la solitudine e l’assenza portano in sé, una ricerca artistica affiorata durante i mesi di stravolgimento umano e sociale.

DODICI QUADRI ovvero STONATURE + UN BATTITO. DODICI MASCHERE + UN BATTITO. DODICI ORGANI CHE PRENDONO PAROLA + UN BATTITO

SCOMPOSTA poiché il corpo non ha più un suo posto nel mondo, perché Marzia Ercolani non è “omologata” alla compostezza dell’immaginario sociale, è un’artista, teatrante, poliedrica, non identificabile in un unico percorso.

SCOMPOSTA perché le maschere e il teatro hanno bisogno di scomporsi e di reinventare pianeti.

SCOMPOSTA perché è ora che ogni organo del nostro corpo possa dire la sua.

“Dentro il sibilo degli organi scordati. Il gorgoglio del duodeno, l’accordatura di un ginocchio, il mugolio del polmone. Fuori la fanfara metropolitana. Dentro piccole pratiche preparatorie, l’intimo strimpellare senza pretese, i prova e riprova, confessioni minute. Quel prima. Quell’essere “quasi”. Mai pronta. Quella sbavatura che ci salva dalla perfezione della prontezza, quella impercettibile stonatura che restituisce la nostra personalissima voce.”_ annota Marzia Ercolani.

“Spiare la milza, l’orecchio, la cistifellea, piangere assieme al ventricolo sinistro, alla terza vertebra lombare, ridere con il malleolo, con la narice destra, discutere con il fegato, complottare con la vulva, danzare con i seni, fiorire con le mani.

Scompormi, scompormi, scompormi.

Essere fuori posto, essere tutta intera solo nella scompostezza, nella complessità di suoni che mi concertano dentro, essere tutta versi, mille direzioni. Farsi dirigere dagli andantini dei piedi, gli allegretti del gomito, i notturni del cuore. Che altro?”

Gli organi prendono parola, in scena, mostrando la parte più vera e intima di noi stessi. 

Ufficio Stampa

Maresa Palmacci ; palmaccimaresa@gmail.com

INFO: 

SCOMPOSTA

dal 6 all’8 maggio ore 21, domenica ore 18

Biglietti: 15 euro – ridotto: 12 euro

(bar aperto per aperitivo dalle 19.00)

Teatro Lo Spazio

Via Locri 43, Roma

informazioni e prenotazioni

339 775 9351 / 06 77204149

info@teatrolospazio.it

Acquisto Online: VivaTicket

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com