Ciani (Demos): Percorsi di uscita per le donne vittima di violenza e promozione di una cultura del rispetto

Roma, 25 novembre 2022 – “Oggi si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, una ricorrenza che già è segno di una profonda ferita sociale e culturale” afferma il capogruppo capitolino di Demos e deputato Paolo Ciani. “I dati sono in costante aumento, non solo a livello nazionale ma anche nella città di Roma. Per questo ieri in Assemblea Capitolina abbiamo approvato all’unanimità una mozione della collega Cicculli, che vuole essere un segno concreto a sostegno delle donne che vivono nella nostra città. L’incremento di contatti e percorsi nei Centri Anti Violenza testimonia il coraggio di tante che scelgono di provare a uscire da questo incubo.

Come amministrazione vogliamo sostenerle in ogni fase del loro cammino, aumentare i luoghi di accoglienza per la fase iniziale del percorso (cav, case rifugio, case di semiautonomia) e creare una concreta possibilità successiva che permetta alle donne man mano che ne sono in grado di ricostruire la propria autonomia personale, lavorativa, economica, abitativa, nei tempi di cui hanno bisogno.

Intendiamo incrementare l’apertura di luoghi di accoglienza e case rifugio, ma anche mettere a disposizione delle donne che possono psicologicamente uscire da una casa di semiautonomia, alloggi che garantiscano loro di poter intraprendere un percorso di ricostruzione del vissuto familiare, professionale, sociale. La legge permette l’assegnazione di una parte degli alloggi erp a persone che si trovano in emergenza abitativa tra cui le donne vittime di violenza, e stiamo lavorando su questo, ma vogliamo anche attivare procedure innovative nell’ambito della disponibilità del patrimonio immobiliare di Roma Capitale attraverso l’impiego di beni confiscati alla criminalità organizzata, abitazioni degli ex addetti alla custodia dei pressi scolastici, immobili provenienti dall’allargamento delle quote di riserva erp per garantire  alle donne in uscita dalle case rifugio e dalle case di semiautonomia in primo luogo un supporto abitativo a cui si aggiunge quello lavorativo tramite il microcredito sociale per l’attivazione di percorsi di autonomia, un patto con i Col e le agenzie per l’impiego, le aziende private, le associazioni di categoria, le sigle sindacali, gli enti di formazione. Di fronte alla sofferenza, non solo fisica, ma totalizzante, al terrore di perdere i figli se non possono mantenerli, alla paura generata dall’incertezza del domani, vogliamo porre un ponte, un percorso possibile attraverso il quale le donne possano tornare a vivere pienamente.”

“Ma c’è un altro versante – continua Paolo Ciani – meno concreto ma non meno importante. Oltre all’impegno rivolto direttamente a loro, è determinante per le donne, anche quello rivolto all’intera cittadinanza, in termini di promozione di una cultura basata sul rispetto. Personalmente sono convinto che la violenza sulle donne sarà sconfitta quando non avremo più bisogno di una giornata per sensibilizzare, quando le campagne di comunicazione non saranno più necessarie. Oggi ancora lo sono.

Ed è importante avviare percorsi con i giovani e i bambini, costruire e promuovere, a partire dalle scuole, una cultura del rispetto che possa permeare ogni ambiente sociale, e familiare. La violenza si vince con la pace, con l’educazione alla vera parità, al valore della persona nella sua unicità.  Ben vengano campagne, intitolazioni, opere artistiche, convegni: ogni forma di riflessione che possa portare all’edificazione di una vera nuova cultura di rispetto reciproco tra uomo e donna” conclude Ciani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: